Le forme verbali

Nella lingua italiana le varie forme del verbo, oltre naturalmente a costituire la parte più importante del discorso, presentano le difficoltà maggiori nello studio della grammatica per chiunque si accinga a studiare l’italiano; sono veramente la bestia nera degli stranieri.

Le espressioni verbali nel nostro dialetto sono di conseguenza molto complesse e di difficile presentazione grafica, per la varietà di suoni e di sfumature, a volte quasi impercettibili, fra i vari tempi (presente, passato, futuro) e le persone (le tre singolari e le tre plurali), per la forma attiva e passiva, per la coniugazione interrogativa e, soprattutto, per rendere la forma negativa.
Un solo esempio tra i tanti:
- Non me l’avresti detto.- - T am n l aréss brîṡa détt.
a) Verbi ausiliari: essere e avere

Essere → èser

Modo Indicativo

- Presente: mé a sån, té t sî, lò l é, lî l’é
nó(u)n a sän vuêter a sî låur i én

- Imperfetto: a sîra t sîr l îra,l’ îra
a sîren a sîri i îren

- Passato remoto: a fó t fóss al (la) fó
a fónn a fóssi i fónn

- Futuro: a srò t srè al (la) srà
a srän a srî i srän

I tempi composti (passato prossimo: sono stato; trapassato prossimo: ero stato; trapassato remoto: fossi stato; futuro anteriore: sarò stato) si formano aggiungendo il participio stè alle varie forme semplici.

Es. : t sî stè / sei stato i srän stè / saranno stati

Parlando comunemente le particelle pronominali “mé, té, lò, ecc.”non si dicono quasi mai.

Gli altri modi del verbo (condizionale, congiuntivo, participio) vengono qui indicati per i soli verbi ausiliari essere e avere.

Modo Condizionale

- Presente: a sré(vv) t sréss al (la) srévv
a srénn (o a srévven) a sréssi i srénn(o i srévven)

- Passato: a sré(vv) stè, ecc...come il presente con l’aggiunta del participio passato stè.

Modo Congiuntivo

- Presente: ch’ a sía ch’ et sía ch’ al sía (ch’ la sía)
ch’ a saggna ch’ a sîdi ch’ i sían

- Imperfetto: ch’ a fóss ch’ et fóss ch’ al fóss (ch’ la fóss)
ch’ a fóssen ch’ a fóssi ch’ i fóssen

- Passato: come il presente più stè.

- Trapassato: come l’imperfetto più stè.

Nella interrogativa in italiano il verbo rimane uguale a quello della forma positiva; si aggiunge naturalmente il punto interrogativo (?).

In dialetto invece la forma verbale cambia.

Esempi: Sei stato tu! → T sî stè té! Era lui! → L îra lò!
Sei stato tu? → Ît stè té? Era lui? → Îrel lò?
Sono già andati! → I én bèla andè!
Sono già andati? → Êni bèla andè?
Sei stato attento! → T sî stè aténti!
Sei stato attento? → Ît stè aténti?

♦ Avere → avair

Modo Indicativo:

- Presente: mé ai ò té t è lò (lî) l’ à
nó(u)n avän vuêter avî låur i än

- Imperfetto: avêva t avîv l (l’) avêva
avêven avîvi i avêven

- Passato remoto: avé t avéss l (l’) avé
avénn avéssi i avénn

- Futuro: arò t arè l (l’) arà
arän arî i arän

Per i tempi composti va aggiunto il participio “avû”.

Modo Condizionale:

- Presente: arêv t aréss l arêv aréssi i arénn
- Passato: arêv avû ecc...

Modo Congiuntivo:

- Presente: ch’ èva ch’ t èva ch l êva
ch’avaggna ch’avîdi ch’i èven
- Imperfetto: ch’avéss ch’ t’avéss ch’ l avéss
ch’avéssen ch’avéssi ch’i avéssen

- Passato e Trapassato: rispettivamente come il presente e come l’imperfetto più avû.

- Imperativo: èvet avîdi

- Gerundio: avänd - Participio passato: avû

Anche nel verbo avere la grafia nella forma interrogativa cambia rispetto a quella positiva.

Es. : - L’avete portato qui! - - A l avî purtè qué!-
- L’avete portato qui?- - L avîv purtè qué?-
- Ho fatto male!- - Ai ò fât mèl!-
- Ho fatto male?- - Âja fât mèl?-

b) 1^ Coniugazione: « -are » (italiano)→ « -èr » (dialetto)

Mandare → mandèr; Fare → fèr; Dare → dèr; ecc.

Modo Indicativo:

- Presente: a mänd t mänd al(la) mända
a mandän a mandî i mänden

- Imperfetto: a fêva t fîv al(la) fêva
a fèven a fîvi i fèven

- Futuro: a darò t darè al(la) darà
a darän a darî i darän

- Mandiamo una cartolina!- → A mandän una cartuléina!-
- Mandiamo una cartolina?- → Mandaggna una cartuléina?-

Vi sono verbi irregolari della 1^ coniugazione:
Andare → andèr

Es. : Indicativo presente a vâg t vè al(la) và
andän andî i vän
Interrogativo: vâghia? vèt? vâl? andaggna?

c) 2^ Coniugazione: «-ere» (italiano) → «-air» (dialetto)

Parere (sembrare)→ parair; Volere→ vlair (o vrair);
Potere→ psair.

Modo Indicativo

- Presente: - a pèr, t pèr, al(la) pèr, a parän, a parî, i pèren
- a vói, t vû, al(la) vôl, a vlän (vrän), a vlî (vrî), i vôlen
- a pòs, t pû, al(la)pôl, a psän, a psî, i pôlen

- Imperfetto: - a parêva, a vlêva, a psêva
- Tu vuoi! → Té t vû! -Possiamo! → A psän!
- Vuoi? → Vût? -Possiamo? → Psaggna?

3^ Coniugazione: «-ire» (italiano) → «-îr» (dialetto)

Finire → Finîr ; dire → dîr; aprire → avrîr.

- mé a finéss mé a dégg, mé avérr

- té t finéss té t dî té t avérr
- lò al (lî la) finéss lò al (lî la) dîṡ lò l (lî l’) avérra
- nón a finän nón a giän nón avrän
- vuêter a finî vuêter a gî vuêter avrî
- låur i finéssen låur i dîṡen låur i avérren
- Voi finite! a finî! Finite? finîv?

Vi sono i verbi riflessivi: in dialetto terminano in ès (abituarsi / a-bituès ; chiudersi / srès), verbi la cui coniugazione è di difficile pro-nuncia e, di conseguenza, di complessa grafia.

Per esempio, il verbo “tenere / tgnîr”:
- a téggn (tengo), al tgnêva (teneva), a tgnaréssi (voi terreste).

Nelle frasi negative la forma verbale assume una grafia molto complicata.
Esempi:
- Non volete che io... → A n vrî brîṡa che mé..-
- Chiedo che non prendiate... → A dmänd ch’a n tulîdi brîṡa..
- Vide che non ce n’era neanche uno... → Al vdé ch’u n i n îra gnänc ón.

Da tenere presente che, nella 3^ persona singolare si hanno le due forme diverse per il maschile e il femminile:
es.: al vôl = lui vuole; la vôl = lei vuole ;
così pure nella 3^ pers. plur. si hanno ancora le due forme:
i vôlen = essi vogliono; al vôlen = esse vogliono.

Come è intuibile non si possono indicare tutte le varie espressioni dialettali: ci vorrebbero testi completi di grammatica, di sintassi, di vocabolario e....e poi non basterebbero per imparare il dialetto. Per poterlo capire e soprattutto parlare correntemente, occorrerebbe essere nati fra noi e sentirlo parlare e parlarlo fin dalla prima infanzia.